In Val Gardena con la mtb
Itinerario 47
Discesa dal Passo Gardena a Selva, via rif. Puez

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 7/2018
Partenza: Passo Gardena
Come arrivare:
Itinerario.
Esattamente sul Passo prendiamo la strada che sale verso ovest.
L'asfalto finisce quasi subito ma la sterrata mantiene un fondo solido.
A un bivio (km 0,5) svoltiamo a destra nel largo sentiero segnalato 2 e attraversiamo i pascoli foto fino a uscire su una strada (avremmo potuto prenderla a un bivio che precede il bivio del sentiero) e la seguiamo a sinistra salendo alla stazione di arrivo di una telecabina (km 1).
A sinistra inizia il sentiero che si inerpica, ripido, faticoso e non ciclabile, fino a un piccolo passo tra pinnacoli di roccia (km 2,1) foto.
Scendiamo per poche decine di metri nell'anfiteatro tra bizzarre forme rocciose foto e affrontiamo i tornanti foto che ci permettono di raggiungere il Passo Cir (km 2,5).
Scendiamo ripidamente in Val Chedul e ne costeggiamo la testa foto lasciando a sinistra i sentieri che scendono.
Dopo una parte pianeggiante saliamo ripidamente e usciamo sul Passo Crespeina (km 3,5).
La discesa è meno impegnativa della precendente ma comunque con qualche passaggio non ciclabile foto.
Attraversiamo le sorgenti che alimentano il Laghetto di Crespeina (km 4,6) sul sentiero che presenta qualche saliscendi e una non ciclabile salita foto.
Attraversiamo l'altopiano roccioso con innumerevoli saliscendi fino a scendere alla Forcella Ciampac (km 6,2) foto dove lasciamo a destra il sentiero per Corvara.
Saliamo su scalini attraverso uno stretto intaglio roccioso foto e raggiungiamo la seconda parte di altopiano foto.
La salite sono rocciose e poco ciclabili, intervallate da poche zone pianeggianti.
Superiamo alcuni passaggi su roccette e raggiungiamo il panoramico poggio (km 8) con bandiere da cui arriviamo facilmente al rifugio Puez (km 8,4) foto.
Torniamo indietro al primo bivio (km 8,5) e scendiamo a destra per affrontare la discesa in Vallunga foto.
Il sentiero è ripido e reso insidioso dal pietrisco che lo ricopre foto.
Scendiamo in sella ma con grande prudenza cercando di evitare le scorciatoie che sono anche peggiori del sentiero principale.
Il sentiero esce dalla gola andando a sinistra sotto pareti verticali foto foto e diventa decisamente meno difficile.
Dopo un poggio erboso scendiamo una zona molto ripida con sorgenti e raggiungiamo un largo ghiaione foto che attraversiamo per ritrovare il sentiero sull'altra sponda.
Scendiamo facilmente e torniamo sul ghiaione (km 11,2) che attraversiamo nuovamente foto mentre l'assenza di tracce rende difficile trovare i passaggi migliori, comunque dobbiamo attraversare perdendo poca quota per poter ritrovare il sentiero sulla riva destra.
Il sentiero attraversa il bosco con andamento evidente e diventa sempre più facile foto fino a raggiungere il pianeggiante Pra da Ri (km 12,1).
Attraversiamo il lungo prato al cui termine inizia la strada che seguiamo senza alcun problema. A un bivio (km 15,3) possiamo andare indiffentemente a destra o a sinistra e giungiamo nei pressi del parcheggio (km 16,4).
Non saliamo all'asfalto me restiamo sulla sterrata che esce dalla recinzione e raggiunge un bar (km 16,7) dove entriamo sulla'asfalto.
La strada raggiunge un incrocio (km 17,1) che attraversiamo imboccando un sentiero che si dirige verso il paese foto.
Di nuovo su asfalto passiamo presso la chiesa e scendiamo al centro di Selva (km 18,2).
Dislivello: -1190 m. e + 620 m.
Ciclabilità: 83%
Asfalto: 9%
Osservazioni: è un itinerario faticoso, impegnativo su sentieri di montagna non esposti ma da percorrere con particolare prudenza. La prima parte, fino al Puez, è molto frequentata da pedoni.

 gps


Updating: 2018/07
Start point: Gardena Pass
How to arrive:
Itinerary.
Exactly on the Pass we take the road that climbs towards the west. The asphalt ends almost immediately but the dirt keeps a solid background.
At a crossroads (km 0,5) we turn right into the wide trail marked 2 and cross the pastures foto as far as we come out on a road (we could have taken it at a fork before of the path junction) and follow it to the left going up to the station arrival of a gondola lift (km 1).
On the left begins the path that climbs, steep, difficult and not cycle, up to a small Pass between pinnacles of rock (km 2.1) foto.
We descend for a few tens of meters in the amphitheater between bizarre rock forms foto and we face the hairpin bends foto that allow us to reach the Cir Pass (km 2,5).
We descend steeply into Val Chedul and skirt its head foto leaving the trails that descend to the left.
After a flat part we climb steeply and leave the Passo Crespeina (km 3,5).
The descent is less demanding than the previous one but anyway with some non-cycling passage foto.
We cross the springs that feed the Crespeina lake (km 4,6) on the path that has some ups and downs and a non-cycling climb foto.
We cross the rocky plateau with countless ups and downs as far as we descend to the Forcella Ciampac (km 6,2) foto where we leave the path to Corvara on the right.
We climb up steps through a narrow rocky carving foto and reach the second part of the plateau foto.
The climbs are rocky and little cycle paths, interspersed with some flat areas. We pass some passages on rocks and reach the panoramic hill (km 8) with flags from which we easily reach the Puez refuge (km 8,4) foto.
We go back to the first fork (km 8.5) and go down to the right to face the descent to Vallunga foto.
The path is steep and made insidious by the gravel that covers it foto.
We descend on saddle but with great caution trying to avoid shortcuts that are even worse than the main path.
The path goes out of the gorge going left under vertical walls foto foto and becomes much less difficult.
After a grassy hill we descend a very steep area with ssprings and reach a wide scree foto that we cross to find the path on the other side.
We descend easily and go back on the scree (km 11.2) that we cross again foto while the absence of traces makes it difficult to find the best passages, however we have to cross losing a little altitude to find the path on the right bank.
The trail crosses the woods with an evident course and becomes easier and easier foto up to reach the flat Pra da Ri (km 12.1).
We cross the long meadow at the end of which the road that we follow without any problem begins. At a crossroads (km 15.3) we can go indifferently to the right or left and reach the parking area (km 16.4).
We do not climb to the asphalt but we stay on the dirt road that leaves the fence and reaches a cafe (km 16,7) where we enter the asphalt.
The road reaches a crossroads (km 17.1) that we cross by taking a path foto that heads towards the village. Again on asphalt we pass near the church and go down to the center of Selva (km 18.2).
Difference in height: -1190 m. and + 620 m.
Cycle: 83%
Asphalt: 9%
Observations: it is a tiring itinerary, challenging on unexposed mountain paths but to be traveled with particular caution. The first part, up to the Puez, is very frequented by pedestrians.